francescoerspamer

Chi sono

Sono professore di studi italiani e romanzi a Harvard; in precedenza ho insegnato alla II Università di Roma e alla New York University, e come visiting professor alla Arizona State University, alla University of Toronto, a UCLA, a Johns Hopkins e a McGill. Considero essenziale l’attività di insegnamento e per questo motivo finora non sono riuscito ad apprezzare pienamente i miei periodi di congedo. In realtà la maggior parte, se non la totalità, delle mie idee e intuizioni critiche sono nate nel contesto di corsi e seminari, o in classe, discutendo con gli studenti, o preparando le lezioni. D’altra parte, detesto gli impegni amministrativi, incluse le sedute di facoltà, le riunioni di dipartimento, le commissioni di cui mi tocca fare parte e le, innumerevoli relazioni e lettere di valutazione che mi tocca scrivere. Penso che la crescita esponenziale della burocrazia faccia parte di una lucida strategia per mettere l’istruzione e la ricerca sotto il diretto controllo dei manager (ossia del potere e dell’ideologia economica) piuttosto che dei docenti, allo scopo di diminuirne l’indipendenza e la creatività e di indebolirne il pensiero critico. Non mi piacciono molto neppure i congressi, e anche se do grande valore agli scambi intellettuali, ritengo che le attività di molti accademici siano a un livello di emissione di carbonio eccessivo, come d’inverno le angurie nei supermercati di Boston. Sia la burocrazia che i congressi sono troppo spesso una scusa per non leggere libri, che ancora considero uno strumento fondamentale non tanto per l’acquisizione di conoscenza (che può essere ottenuta in altri modi) quanto per resistere all’omogeneizzazione.
Mi interesso di politica, di storia delle idee e di cambiamenti culturali. Tengo regolarmente corsi riguardanti l’estetica, la storia e teoria del romanzo, il Rinascimento, il calcio (con Mariano Siskind), il concetto di tempo, e l’intervento culturale (con Doris Sommer). Ho lavorato sul Rinascimento, sull’Italia fra otto e novecento, sull’idea di cultura e di modernità, e su questioni contemporanee. I miei libri più recenti sono La creazione del passato. Sulla modernità culturale (Sellerio, 2009) e Paura di cambiare. Crisi e critica del concetto di cultura (Donzelli, 2010). Da due anni dirigo ogni esate un programma di Harvard a Milano e Siena dedicato all’estetica come essenziale momento di innovazione e coscienza sociale.
Collaboro alla Voce di New York con la rubrica Left turn. Dal 2007 al 2011 ho scritto recensioni settimanali per Italica, il sito online di Rai Internazionale, chiusa e oscurato dal governo Monti all’inizio del 2012 per salvare l’economia italiana. Scrivo quotidianamente sulla mia pagina facebook e gestisco Controanalisi, Il regime dei media e Il pensiero inelegante, blog sulla cultura come discorso anti-egemonico della vita ordinaria. Un mio altro blog è Soccer studies, dedicato alla cultura del calcio. I miei post vengono ripubblicati da Alganews.
Sostengo Bernie Sanders, detesto Matteo Renzi e il liberismo economico e culturale e considero l’ineguaglianza economica e la globalizzazione i principali problemi del mondo contemporaneo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: